Crea sito
Home

E-mail

Preferiti

Foto Sant'Ignazio

La chiesa di Sant'Ignazio, ubicata nella Piazza Plebiscito accanto al Collegio con il quale comunicava attraverso un passaggio vicino all'altare, era la chiesa dei Gesuiti.
Fu costruita nel 1701 sui resti di un palazzo dei nobili mazaresi Adamo, su progetto di Angelo Italia e Giacomo Napoli.
La chiesa, che si presentava a pianta ovale con otto coppie di colonne tuscaniche sei altari laterali e uno maggiore al centro con una grande cupola e due campanili gemelli, crollò nel dicembre 1933. Di essa oggi si conserva infatti solo il prospetto, in stile barocco, nel quale si distinguono due ordini.
Nel primo ordine figurano quattro colonne tuscaniche sporgenti, al centro delle quali è collocato un portale barocco, sopra il quale è posto un fregio rotondo con il busto marmoreo di Sant'Ignazio, opera del Marabitti.
Il secondo ordine, è invece caratterizzato da due colonne composite che sorreggono un timpano a linee curve spezzate, mentre al centro figura un altro portale pieno architravato con volute e fregio.
La chiesa, inseguito al decreto di espulsione dei Gesuiti (1767), fu donata nel 1780 dal Vescovo Ugo Pape' ai P.P.Minimi di San Francesco di Paola.
Nel 1901, quando la Basilica Normanna fu sottoposta a restauro, questa chiesa funse anche da Cattedrale e solo successivamente, chiusa al culto, fu trasformata in sala di riunioni consiliari, in cinematografo e in sala di comizi elettorali.