Crea sito
Home

E-mail

Preferiti


Mazara, tu si la bedda terra mia,
lu cori di lu mari ranni,
e tutti chiddi
chi mettinu peri intra di tia,
'un si ni vannu
seza tia cantari.


tu si la terra ricca e furtunata,
chi antichi e novi genti
arriparatu hai
e dintra li to curtigghi si 'mpastaru
Romani, Greci, Ebrei e Musulmani
e pò un mancaru...
li Svevi e l'Angioini,
Francisie Spagnoli 'nfini...
e tutti quanti...
pi ricunuscenza,
lassarula loro onniputenza:
casi, palazzi, tesori 'n quantità.


Chi meravigghia
c'arristau ca!


                                       A. Cavataio

 


Santu Vituzzu
chi mezzu lu mari stai,
varda sta varca
chi a navigari va.



Carma lu ventu e li maraggiati
l'arua 'nfusca e la risaccata
e di pisci rossi e abbunnanti
inchi la rizza di lu me amanti.



Portalu prestu dintra li me vrazza
forti, riccu e chinu di cuntintizza
e a so matruzza
dacci la razia di virilu sempri
salutivu e sazio.


                                       A. Cavataio